Caulerpa racemosa

caulerparacemosapersitoClasse: Ulvoficee
Ordine: Caulerpali
Famiglia: Caulerpacee

Alga con un elevato tasso di crescita ed alta adattabilità. Ricopre qualsiasi fondale ostacolando la crescita e la sopravvivenza degli altri organismi.
E’ nota la competizione tra la C. racemosa e la P. oceanica; la Caulerpa soffoca gli altri organismi con la fitta rete di stoloni e impedisce ai semi della Posidonia di attecchire sul fondale compromettendone la crescita.

Presenta un colore verde smorto, forma stoloni da cui partono rami rizoidali rivolti verso l’alto. I rami, lunghi al massimo pochi centimetri, possono essere semplici o biforcati e presentare brevi ramoscelli rotondeggianti o a forma di clava.Specie tipica delle acque calde, è penetrata nel Mediterraneo negli anni 50 dal Canale di Suez, si sta diffondendo insieme alla Caulerpa taxifolia.Originaria dei nostri mari è un’altra specie di Caulerpa denominata la Caulerpa prolifera, la cui presenza non è ancora stata riscontrata nelle acque dell’arcipelago di Porto Venere.

E’ una specie termofila, si trova su fondali sabbiosi da 1 a 20 metri nelle vicinanze delle praterie di Posidonia.Ha un tallo strisciante da cui dipartono rizoidi che si fissano al fondo e fronde molto simili a foglie appiattite.Ha una colorazione verde ed una consistenza coriacea.
La riproduzione avviene per via asessuata con l’emissione di nuovi rizoidi e fronde originate da singoli segmenti della pianta.