Scoiattolo rosso

scoiatolorossopersito Lo scoiattolo rosso (Sciurus vulgaris,Linneo) si trova in tutta l’Eurasia, ma è una specie autoctona in Europa; purtroppo in molte Nazioni è in netto declino ed è comunque minacciato a causa dell’introduzione dello scoiattolo grigio nord-americano, più grande e vorace.

E’ lungo anche 40 cm. coda compresa, che da sola può arrivare a misurare quasi 20 cm.
Pesa al massimo 350 grammi e il possedere una coda così lunga è un vantaggio che gli consente di mantenere l’equilibrio nelle sue corse sui rami e nei salti tra un albero e l’altro.

Inoltre durante il sonno è solito “avvolgersi ” con la coda per riscaldarsi.
Il colore rosso non è il solo presente nelle popolazioni di scoiattolo: al sud Italia è diffuso con il mantello nero. Possiede artigli molto aguzzi e ricurvi adatti alla sua vita arboricola.

 

Il periodo riproduttivo avviene un paio di volte l’anno: febbraio-marzo e giugno-luglio e dopo circa 40 giorni nascono 3-4 piccoli, ciechi e sordi di cui si occupa solo la madre.
Se il cibo è scarso la riproduzione viene ritardata.
I maschi individuano la femmina in calore dall’odore che emana e nonostante siano più maschi a rincorrere una sola femmina, è il maschio dominante che si accoppia.
Gli accoppiamenti sono numerosi e con più partner; la femmina ha una soglia minima di peso per essere feconda e quelle più grasse partoriscono un numero maggiore di piccoli.